Tuesday, May 30, 2006

16 Bugs

Lo dicevo che si stava dando da fare :-)

Interview a Michele Finotto!

--
Chiaroscuro

16 Bugs

Lo dicevo che si stava dando da fare :-)

Interview a Michele Finotto!

--
Chiaroscuro

Thursday, May 25, 2006

Presentazione a Padova

E' andata, ci siamo trovati a Padova e abbiamo fatto una presentazione presso il JUG locale :-)

Questo è il resoconto dell'evento.

Un grazie sentito a tutti i javisti e ai ragazzi di SeeSaw in particolare.  Siete forti!

--
Chiaroscuro
---
Liquid Development:

Wednesday, May 24, 2006

Summer of Code: Gabriele on Nitro

Leggo dalle pagine di Gabriele che ha deciso di partecipare alla Summer of Code ed è stato accettato per lavorare su Nitro, il meno rumoreggiato ma altamente stimato, framework web per Ruby. 

Lawrence, invece, lavorerà su un progetto Python.

Conoscete altri talenti di queste latitudini impegnati su progetti software internazionali?


Wednesday, May 17, 2006

Management Semantics

Una piccola riflessione dall'ufficio.

Sono l'unico a notare che Management in italia viene percepito come un sostantivo, un ruolo: Manager
e che invece ad altre latitudini è visto come un verbo, un lavoro: To Manage ?

--
Chiaroscuro


Il libro delle Mutazioni

No, non l' I-Ching.  Sto parlando ancora di Baricco. 

Mi piace, mi piace molto questa piega che ha preso.  O forse l'ha sempre avuta e sono io a coglierla solo adesso.

Questo è un estratto dal suo ultimo 'post' su Repubblica, in cui inizia la sua esplorazione dello zeitgeist, lo spirito dei tempi, in divenire.

Non credo di fargli torto riportandolo anche qui:

lui non cercava mai di capire cos'era il mondo, ma, sempre, cosa stava per diventare il mondo. Voglio dire che ad affascinarlo, nel presente, erano gli indizi delle mutazioni che, quel presente, avrebbero dissolto. Erano le trasformazioni, che lo interessavano: dei momenti in cui il mondo riposava su se stesso non gliene fregava niente. Da Baudelaire alle pubblicità, qualsiasi cosa su cui si chinava diventava la profezia di un mondo a venire, e l'annuncio di una nuova civiltà.

Provo a essere più preciso: per lui capire non significava collocare l'oggetto di studio nella mappa conosciuta del reale, definendo cos'era, ma intuire in cosa, quell'oggetto, avrebbe modificato la mappa, rendendola irriconoscibile. Lo faceva godere studiare l'esatto punto in cui una civiltà trova il punto d'appoggio per ruotare su se stessa e diventare paesaggio nuovo e inimmaginabile. Lo faceva morire descrivere quel movimento titanico che per i più era invisibile, e per lui, invece, così evidente. Fotografava il divenire, e anche per questo le sue foto vennero, per così dire, sempre un po' mosse, e quindi inusabili da istituzioni che davano uno stipendio, e obbiettivamente ostiche per chi le guardava. Era il genio assoluto di un'arte molto particolare, che un tempo si chiamava profezia, e adesso sarebbe più proprio definire come: l'arte di decifrare le mutazioni un attimo prima che avvengano.

--
Chiaroscuro

Monday, May 15, 2006

16 Bugs

16 Bugs, una web app (e un business) di un ragazzo italiano che si sta dando da fare.

Complimenti!

--
Chiaroscuro

Saturday, May 13, 2006

La Mutazione

Il primo installment del nuovo saggio a puntate di Alessandro Baricco.

--
Chiaroscuro


Graady Booch

Grady Booch ha annunciato sul suo blog che soffre di problemi di salute e presto dovrà farsi operare.  Grady Booch è stato uno dei miei primi eroi del software e ricordo di averlo incontrato a OOPSLA nell'ormai lontano '97.  Gli auguro ogni bene di cuore e spero si rimetta presto.

--
Chiaroscuro


Tuesday, May 09, 2006

Startup senza rischi (o quasi)

Questa è il mio primo post su Code Sushi, ringraziando ancora l'amico ChiaroScuro per l'invito vorrei iniziare contribuendo all'argomento Startup prendendo libera ispirazione da questo post su Business 2.0 blog.
L'idea di base è quella di trovare una strada per creare una propria attività senza per questo dover rinunciare al proprio posto di lavoro e quindi ad una sicurezza economica. Come dei pulcini, crescere quel tanto che basta sotto le ali di mamma chioccia per poi spiccare il volo soli soletti...
Vediamo un po' qualche buona regola da seguire per ottenere questo risultato:
  1. Usare il proprio stipendio per autofinanziarsi il più a lungo possibile piuttosto che affidarsi ad investitori esterni. Meglio qualche sacrificio in più che ci permetta di rimanere indipendenti piuttosto che vendere l'anima al "diavolo" e dovergli rendere conto!
  2. Convertire i difetti dell'azienda in businessplan. Ovvero, se nel vostro lavoro quotidiano percepite che l'azienda per cui lavorate non offre un servizio di cui i vostri utenti sentono il bisogno o offre dei prodotti che potrebbero essere migliori, perchè non ispirarsi per creare un buon prodotto? Metà del businessplan sarà già nelle vostre mani!
  3. Sfruttare la reputazione dell'azienda come credenziale. Se l'azienda per cui lavorate è molto conosciuta perchè non trarne vantaggio nel momento in cui c'è bisogno di qualche credenziale in più?
  4. Imparare dai pregi e dai difetti. Come dipendenti di un'azienda avete la fortuna di vedere il suo funzionamento dall'interno e quindi di impararne i meccanismi che funzionano e quelli che invece non funzionano, questo vi permetterà di avere giù una certa idea di come far funzionare le cose una volta che dovrete gestire la vostra attività.
  5. Sperimentare! Molte idee di business nascono sul luogo di lavoro, idee che magari si preferisce tenere per se piuttosto che regalare ad una grande azienda. Ciò non toglie che è sempre possibile usare l'azienda per cui si lavora come un piccolo laboratorio in cui sperimentare le proprie idee per sapere quali potrebbero avere successo.
Naturalmente queste regole non prescindono dalla correttezza e dall'attenzione necessarie quando si tratta di "andare contro l'interesse del proprio datore di lavoro", quindi la regola numero uno è quella di usare buon senso e correttezza.

Sarariman

Sarariman, nipponizzazione di Salary Man, è l'uomo salariato.

Quando pensiamo a quello che potremmo fare e ai rischi che dovremo correre mettiamo sempre sulla bilancia anche la nostra sicurezza di Sarariman.

Sarariman o Ronin (samurai freelance senza padrone) abbiamo delle entrate più o meno fisse senza le quali sarebbe difficile fare a meno.

Diciamoci la verità, siamo tutti morbosamente curiosi di sapere qual'è il nostro valore di mercato per poterci misurare e capire cosa vale la pena di fare.. Vediamo se riusciamo a soddisfare questa curiosità.

Anni fa ad una conferenza Bruce Anderson, padre dei patterns prima della gang of four, organizzò un gioco divertente. Prese una lastra di polistirolo e sull'asse delle ascisse mise gli anni di esperienza lavorativa e su quello delle ordinate il salario. Poi diede a tutti delle cannucce con un lato tagliato in modo da rendere facile il poterle infilzare nel polistirolo.

Al suo via studenti, consulenti e professori si avventarono insieme sulla board di polistirolo, urlando e infilzando a propria cannuccia al punto giusto. Troppo caos per capire chi avesse infilzato dove.

Il risultato: uno scatterplot della situazione del mercato.

Vorrei poter fare lo stesso con una bella applicazioncina, ma non avendo tempo vi propongo di scriverlo anonimamente nei comments. Tanto siamo su 'blogger', non posso risalire :-)

Penso che un buon format potrebbe essere questo:

[fisso / ultimo variabile / ore lavorate per settimana / sararyman o ronin? / lavoro e settore (finanza,PMI,logistica..) / età
Per i Ronin fisso e variabile sono una stima di quello che sanno essere comunque certo e delle fluttuazioni attese.

Se volete aggiungere ulteriori punti allo scatterplot e offuscare ulteriormente le acque potete mettere anche dati di vostri amici e conoscenti.

Con 10 o più entries prometto un grafico nel prossimo post! Anche voi lurkers, un commentino please.

Saturday, May 06, 2006

Rilasciato Littleboxes v0.1

Ho rilasciato Littleboxes su rubyforge, come sottoprogetto (nonchè per ora unico sottoprogetto) di Rosso.

Littleboxes e' una piccolo set di comandi che vi permette di scrivere i vostri oggetti sul foglio Excel aperto in quel momento invece che a console. 

Non è una mega libreria per usare excel. 

Fa solo questo, ma lo fa benino, dandoti anche la possibilità di scrivere in orizzontale o in verticale e di scegliere in che colore scrivere.

un esempio piccolo piccolo:

require ' rosso/littleboxes'

['pippo','pluto','paperino'].to_xl "B2"

LittleBoxes.paint :green   
LittleBoxes.horizontally  #write from left to right

{ :city => "Milan", :country => "Italy"}.to_xl "F10"


That's it.  Mi è però molto utile quando programmo e voglio vedere rapidamente i dati e magari farci sopra anche due calcoli a mano usando excel.

Download from: http://rubyforge.org/projects/rosso/

Le istruzioni sono molto semplici:

1. unzippate
2. prendete il contenuto di rosso-1.0 e mettetelo nel load path di ruby
3. andate dentro rosso/samples e lanciate la demo - dovete avere però excel installato..
4. leggete la demo. è veramente banale e vi permetterà di usare littleboxes in 2 minuti netti.

fatemi sapere se vi piace e come vi trovate


--
Chiaroscuro
---
Liquid Development: http://liquiddevelopment.blogspot.com/

Chiaroscuro Radio

Mi ero ripromesso di non farlo.  Di non postare foto del mio gatto o di infliggere comunque i miei discutibili gusti sui miei lettori.

Eppure alla fine a un pò di protagonismo non ho resistito.. nella sidebar ora trovate un link a Chiaroscuro Radio!

I miei gusti musicali sono stati variamente definiti come:
  • "sembra stiano facendo qualcosa di brutto a un gatto"
  • "che palle sono tutte uguali"
  • "ma ti piace 'sta roba?"
Chiaroscuro Radio è stata realizzata con Pandora, un software che impara dai tuoi gusti musicali.  Ci ha messo un pò, ma adesso che azzecca quasi tutte canzoni che mi piaciono.

--
Chiaroscuro


Littleboxes nello Spreadsheet

Questa sera dovrei fare la prima release di Littleboxes, un micro-linguaggio (API? DSL? boh!) per poter fare debugging da ruby su
excel.  Oggetti, Struct, Array, String, Hash, etc.. vengono scritti su foglio per poter meglio visualizzare i dati con cui state lavorando.

Ci sono feature che vi tornerebbero utili? ho ancora un paio d'ore per lavorarci.

Nel frattempo vi lascio con le parole di Littleboxes, mitica canzone di Malvina Reynolds..

"Little boxes on the hillside,
Little boxes made of ticky tacky
Little  boxes on the hillside,
Little boxes all the same,
There's a green one and  a pink one
And a blue one and a yellow one
And they're all made out of  ticky tacky
And they all look just the same."

e no, Malvina non stava parlando delle cellette di Excel ;-)

--
Chiaroscuro


Nostalgia Cybernetica

Questa sera ho ripescato una vecchia storia a fumetti che mi ha toccato molto: The Guy I Almost Was pubblicato sul mitico e-sheep (links ai fumetti in basso a sinistra).  E' una storia piena di nostalgia se vi ricordate e avete vissuto la visione futuristica dei primi anni novanta in cui ci si immaginava tutti a galleggiare e comunicare in una realtà virtuale globalmente connessa.  Uhm, ripensadoci mi sa che ci avevamo preso :-)

--
Chiaroscuro

Friday, May 05, 2006

Europa e Imprenditoria

Un interessante link sull'imprenditoria in Europa

--
Chiaroscuro


Thursday, May 04, 2006

Organizzare la Conoscenza

Riguardo il post precedente.  Ora ho letto l'articolo.  In realtà mi trovo molto d'accordo con quanto dicono.  Si tratta della ricerca di un sapere linguistico/epistemologico, altro rispetto al succedersi delle singole tech.

Questo è l'interessante indice del loro libro.

--
Chiaroscuro


Conoscenza Eseguibile

Gabriele cita un'intervista a Luca Rosati:

E così mi sono reso conto che ci si trova spesso a "reinventare la ruota", quando invece discipline mature come la biblioteconomia (ma anche la psicolinguistica e le neuroscienze) già da molti decenni si sono confrontate con questi problemi.

Premetto che non ho letto l'intervista, ma commento sul testo citato.

Si sente spesso parlare di come l'informatica sia 'indietro' rispetto ad altre discipline che si sono meglio organizzate.  Io non sono d'accordo.  Altre discipline organizzano la conoscenza in un certo campo, mentre l'informatica riguarda l'atto stesso di organizzare la conoscenza.  Conoscenza eseguibile ma sempre conoscenza.

In questo senso l'informatica è una meta-disciplina riflessiva.  E' una caratteristica innata dell'informatica il cambiare se stessa, perchè il codice viene usato per parlare di codice e migliorarlo.  In questo senso l'informatica è più simile alla letteratura che non all'ingegneria: parla d'altro ma soprattutto parla di se stessa e continuamente si evolve e cambia. 

L'informatica cambia con la società, perchè cambia il modo in cui vediamo e organizziamo il sapere, e sarebbe grave se stesse ferma.

--
Chiaroscuro

Il Giardino del Codice

Mi piace pensare al codice come a un luogo pubblico.  
 
Un luogo pubblico che amiamo.
 
Ogni volta che andiamo a visitarlo buttiamo via una lattina, sistemiamo una zolla d'erba, potiamo un poco una pianta.  
 
Più gente visita il posto, più questo diventa bello e accogliente per i visitatori.
 
Su Ruby-It stiamo facendo un esercizio di refactoring collettivo.  Mi piace lavorare sul codice in gruppo.  Mi piace vedere come dei miei contributi possono prendere piacevoli pieghe inaspettate.  Mi piace veder fiorire degli spunti e veder collassare bolle di complessità sotto pennellate intelligenti ed espressive.
 
Insieme curiamo questo giardino e dalla forma e dalla disposizione delle piante mi sembra di conoscere meglio chi ci lavora.

Tuesday, May 02, 2006

Mamma, se non dura c'è sempre il divorzio

Come diceva la vignetta di interno copertina di Generazione X:. "Non preoccuparti mamma, se non va bene c'è sempre il divorzio."

Recentemente, sul blog di RiffRaff si discuteva di startup finite in lacrime con liti tra partner.

Mi interessa capire perchè accade.

Nei casi di cui ho sentito parlare si trattava della mancanza di una vision/mission comune, o di come sgarbugliare un cambiamento di situazionedettato da nuovi eventi.

Ad esempio:

  • uno vuole campare di consulenza, l'altro vuole sfondare con un prodotto. entrambi pensano che l'altro non apporti valore e stia cazzeggiando
  • uno ha in mente di lavorare 8 ore al giorno tranquillo, l'altro vuole sbattersi per ingrandirsi

Forse è il caso di mettersi d'accordo fin dall'inizio su alcuni punti fondamentali e forse anche di redigere un contratto formale o informale che comprende anche clausole e modalità di uscita dei soci.

La chiarezza può aiutare ad arbitrare una situazione difficile e evitare litigi tra amici in seguito.


--
Chiaroscuro


Monetizzare

Ho ricevuto questa mail da 37 Signals:

INTRODUCING THE JOB BOARD: FIND THE BEST TALENT
For the past few months or so we've been getting close to a dozen
emails every week asking us where to find great designers,
programmers, and web-business executives.

Here's where:
http://jobs.37signals.com

The Job Board is here to connect people and companies who value
simplicity, great design, beautiful code, Getting Real, and
usability.

Post here to find designers, programmers, or executives who
"get it." Your listing will reach 25,000+ Signal vs. Noise
subscribers, some of the best and brightest web minds around.

HOW MUCH AND FOR HOW LONG?
Each job post cost $250 and is up on the site for 30 days.
You have 500 characters to make your pitch.

Try it today:
http://jobs.37signals.com

We hope this helps hook up the best people
with the best companies. Good luck to everyone.

in breve quello che fanno, dopo aver costruito una bella comunità attorno al  loro blog, è vendere quell'attenzione in modo tagettizzato.  Non i soliti  adsense un po' randomici, ma danno l'opportunità ad aziende di fare job posting a pagamento.

Io la trovo un'idea magnifica.  E' utile ai lettori perchè possono vedere il mercato del lavoro.  E' utile alle aziende perchè sanno che i lettori si sono autoselezionati e sono di ottima qualità. E' utile a 37 Signals perchè viene pagata.  Triple Win Situation!

37Signals gioca anche sul fatto che mentre gli home users sono molto sensibili al prezzo (qualunque prezzo diverso da zero!), le aziende invece ragionano più in termini di tradeoff (mi risolve il problema senza dover perdere un'ora? compralo!).

Forse dobbiamo iniziare a pensare a quali sono alcuni di questi tradeoff in cui poterci intrufolare.

--
Chiaroscuro

Monday, May 01, 2006

Cultura o Natura ?

In uno scambio di email, Federico mi parla delle sue impressioni della Valle.  Non è tanto che sono più bravi di noi - mi dice - quanto il fatto che per loro è naturale pensare in termini di imprenditoria.  Un fattore culturale insomma. 

E' vero che noi abbiamo grossi problemi 'locali' come la burocrazia e la mancanza finanziamenti, ma secondo Federico il mix è 80/20 in favore della cultura.

Io non so se sia veramente un problema di cultura come dice Federico o un problema di natura, ma so che se decidiamo di credere che sia un problema di natura siamo fregati in partenza.  Perchè individualmente non possiamo farci niente.

Allora pensiamo alla cultura e cerchiamo di capire cosa ci blocchi e superarlo insieme.

Cerchiamo anche di capire se i nostri problemi pratici e le nostre difficoltà sono sistematici dell'industria in generale o specifici del nostro paese in particolare e pensiamo a come si possano eludere.


--
Chiaroscuro

Rilasciato Intent v0.5

Whoa, finito.  Ce l'ho fatta Intent-0.5 è stato rilasciato su rubyforge.

Si tratta di un piccolo framework per fare una forma di test driven development che io chiamo intent first.

Ho scritto un 2 minutes tutorial, un 5 minutes tutorials e un draft (temo incompleto) del manuale.

Spero di ottenere suggerimenti dalla mailing list di ruby-it, apportare eventuali correzioni e poi annunciarlo su ruby-talk.

--
Chiaroscuro